Consiglio Lazio: via libera al Testo Unico del Commercio -2-

Bet

Roma, 10 ott. (askanews) - La proposta di legge regionale n. 37 del 20 giugno 2018 "Testo unico del commercio" riforma la legge regionale n. 33 del 1999 e razionalizza altre norme di settore emanate negli ultimi 20 anni. I lavori sul testo erano iniziati nella seduta del due ottobre scorso, con la relazione del vice presidente della Regione, Daniele Leodori, e la discussione generale. Nella seduta di ieri, poi, concluso il dibattito generale con gli ultimi due interventi, l'Aula aveva approvato già 90 dei 109 articoli complessivi. Oggi il voto definitivo, dopo l'approvazione degli ultimi 19 articoli più uno aggiunto con un emendamento. L'obiettivo della nuova legge, come emerso anche dalle dichiarazioni finali dei consiglieri, è quello di riordinare la normativa regionale in materia di commercio, attraverso la raccolta e la razionalizzazione di tutte le disposizioni di settore. Vengono riunificate o abrogate una serie di disposizioni frammentate in più testi: il commercio in sede fissa e su aree pubbliche (L.R. n. 33/99); le reti d'impresa tra attività economiche su strada (L.R. n. 4/2006, articolo 113); il commercio all'ingrosso (L.R. n. 74/1984); l'attività di somministrazione di alimenti e bevande (L.R. n. 21/2006); la distribuzione della stampa quotidiana e periodica (L.R. n. 4/2005); il commercio di animali da affezione; il commercio equo e solidale. Il testo unico, inoltre, tiene conto anche delle numerose modifiche intervenute negli ultimi anni nell'ordinamento statale ed europeo in tema di concorrenza, semplificazione amministrativa e liberalizzazione delle attività economiche e dello sviluppo di nuove forme aggregative tra imprese. In particolare, sono stati adeguati i contenuti normativi regionali con quelli prescritti dalla direttiva n. 123 del 12 dicembre 2006 (Direttiva Bolkestein) e dal decreto legislativo n. 59/2010 e successive modifiche, nonché con quelli dei decreti legge n. 201/2011 e n. 1/2012 in materia di tutela della concorrenza, liberalizzazione delle attività economiche, semplificazione dei procedimenti amministrativi e nuove modalità di programmazione delle attività economiche.