Consiglio Ue, Conte duro: "Veti inaccettabili"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha svolto un intervento "molto duro" oggi, prima della sospensione dei lavori del Consiglio Europeo per gli incontri in formato ristretto. Lo si apprende da fonti italiane. Conte, riferiscono, ha attaccato l’approccio poco costruttivo con cui alcuni Paesi stanno affrontando la discussione, dimostrando, secondo il premier, scarsa consapevolezza della crisi epocale che l’Europa sta vivendo e della necessità di una reazione pronta ed efficace.

GUARDA ANCHE: Le parole di Conte

Conte ha criticato, in particolare, i Paesi che vogliono riservarsi un veto sull’attuazione del bilancio, che è inaccettabile "giuridicamente e politicamente", poiché altererebbe l’assetto istituzionale europeo. L'Italia, ha ricordato ieri sera, difende, oltre ai suoi interessi, anche "le prerogative della Commissione" da chi vorrebbe intaccarle, a favore del Consiglio, l'istituzione che rappresenta gli Stati membri.

Quella in corso sull'Mff 2021-27 e su Next Generation Eu è una discussione spartiacque, ha sottolineato oggi Conte secondo quanto si apprende da fonti italiane, perché da domani dovrà essere affrontata in tutte le sedi europee una riforma organica della politica fiscale.

Conte ha aggiunto che l’Italia ha deciso di affrontare, di sua iniziativa, un percorso di riforme che le consentano di correre, ma ha specificato che il nostro Paese pretenderà una "seria" politica fiscale comune, in modo da affrontare una volta per tutte surplus commerciali e dumping fiscali, per competere ad armi pari.