Consip: Alfredo Romeo condannato a Roma a 2 anni e mezzo

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 4 nov. (Adnkronos) – Condannato a Roma a 2 anni e mezzo l’imprenditore Alfredo Romeo nell’ambito di uno dei filoni della maxindagine sul caso Consip. La sentenza è stata emessa dall’ottava sezione penale del Tribunale di Roma dopo una camera di consiglio durata oltre due ore. Per Romeo i giudici hanno stabilito anche l’incapacità a contrarre a con la pubblica amministrazione per un anno, la confisca di 100mila euro e una provvisionale immediatamente esecutiva di 150mila euro a favore di Consip. Esclusa invece la responsabilità della Romeo Gestioni.

La Procura per l’imprenditore aveva chiesto una condanna a 4 anni e 10 mesi. Romeo è accusato di corruzione nel procedimento in cui era coinvolto anche l’ex dirigente della centrale unica di acquisti della Pa, Marco Gasparri, che per questa vicenda ha già patteggiato una condanna a 1 anno e 8 mesi. Gasparri ha accusato Romeo di avere ricevuto da lui, dal 2012 al 2016, circa 100mila euro in cambio di notizie e aiuti nei bandi di gara in Consip.