Consip, M5s lancia hashtag #Renziconfessa: O non sa scegliere amici o sapeva

redazione web
Consip, M5s lancia hashtag #Renziconfessa: O non sa scegliere amici o sapeva

Il Movimento Cinque Stelle attacca Matteo Renzi in merito all'inchiesta Consip in cui risultano coinvolti suo padre Tiziano e il ministro Luca Lotti. "Delle due l'una: o Renzi non sa scegliere i propri amici, finanziatori e collaboratori più stretti, oppure, cosa ben peggiore, sa bene di chi si circonda. Una cosa è certa: Renzi ancora non ha confermato se era stato messo a conoscenza dell'inchiesta, come avrebbe fatto mettere a verbale il suo amico Filippo Vannoni, sentito dai magistrati che portano avanti il filone napoletano dell'inchiesta", scrive il Movimento sul blog di Beppe Grillo.

"Vannoni, consulente del governo per le politiche economiche, nonché presidente di Publiacqua, la società partecipata del comune di Firenze che gestisce il servizio idrico, alla cui guida fu messo proprio dal sindaco Renzi, non è stato mai smentito dal suo dante causa, né querelato. Inoltre, in un'intercettazione, l'imprenditore Alfredo Romeo, ora in carcere con l'accusa di corruzione,, avrebbe affermato di aver raggiunto "i livelli politici più alti". La domanda sorge spontanea: Renzi sapeva dell'inchiesta? Nel caso affermativo, perché ha taciuto? Voleva difendere papà Tiziano e il fedelissimo Lotti? #Renziconfessa", concludono i pentastellati.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità