Consip, Tiziano Renzi: L'uomo di Fiumicino? Era incontro di lavoro

redazione web
Consip, indagato capitano dei carabinieri: avrebbe dichiarato il falso su Tiziano Renzi

"C'è un assedio continuo. Tutti i giorni. Anche alla mia vita privata. Ma io non sono nessuno. Non sono mai entrato nemmeno in politica". Così Tiziano Renzi, intervistato dal Corriere della Sera sul suo coinvolgimento nell'inchiesta Consip, in cui è indagato per traffico di influenze illecite. "Scrivete cose che non esistono", continua il padre dell'ex presidente del consiglio Matteo Renzi, "Uno si incontra per lavoro a Fiumicino con un possibile fornitore e che esce fuori? L'incontro segreto! L'uomo del mistero!". Sull'incontro nell'area riservata dell'aeroporto, Tiziano Renzi spiega che "era un incontro di lavoro" e che il suo interlocutore "Si chiama Comparetto. Lo sa chi è? È il terzo gestore postale del Paese. La sua azienda, la Fulmine Group, riunisce 250 operatori del settore. Non è proprio un mister X". Con lui, continua, ha parlato "di la-vo-ro. Io mi occupo anche di spedizioni porta-a porta. Lui è un mio interlocutore. Ma voi vedete il male ovunque".

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità