**Consulta: Coraggio, 'pandemia non ha inciso su produttività, diminuite cause pendenti'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 21 apr. (Adnkronos) – "Gli obblighi e i limiti imposti dalla pandemia non hanno inciso negativamente sulla 'produttività' della Corte, tanto che è diminuito il numero delle cause pendenti". Lo afferma il presidente della Corte Costituzionale Giancarlo Coraggio in un'intervista pubblicata sull'annuario 2020 della Consulta ed aggiunge: "Non posso non aggiungere, tuttavia, che tutto ciò è stato reso possibile dalla situazione indubbiamente privilegiata della Corte costituzionale rispetto agli altri uffici giudiziari, sia per il numero limitato di giudizi che per le disponibilità finanziarie e strumentali".

"Grazie all'impegno del Segretario generale e di tutto il personale – prosegue – è stato possibile effettuare le udienze pubbliche e le camere di consiglio anche da remoto e va sottolineata la disponibilità dei colleghi e del foro, che si sono rapidamente adattati all'uso di queste tecnologie, pur consapevoli che l'impossibilità di un rapporto diretto e personale – 'guardarsi in faccia' – è stato un sacrificio di non poco conto".