Consulta: dal green pass al titolo quinto, un anno di passi avanti della giustizia italiana (3)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – La prospettiva dei rapporti tra Stato e regioni durante il covid è stata trasformata dalla rilevante sentenza numero 4 del 2021, in cui la Consulta ha sospeso la legge della Valle D’Aosta. Una "pandemia globale" come il Covid non ammette "misure differenti da quelle previste dalla normativa statale", afferma la Corte bloccando la legge della Valle D'Aosta che consentiva aperture contro il decreto del governo Conte. Fu l'ex premier a rivolgersi alla Consulta che gli ha dato pienamente ragione.

La Corte ha inoltre stabilito che è incostituzionale la sospensione della prescrizione conseguente al rinvio di udienza disposto per motivi organizzativi legati all'emergenza epidemiologica. Secondo la sentenza 140 del 201, lo scorso 6 luglio, contrasta col principio di legalità la sospensione della prescrizione prevista se il capo dell’ufficio giudiziario adotti un provvedimento di rinvio dell’udienza penale, nell’ambito di misure organizzative volte a gestire l’emergenza pandemica e a contenerne gli effetti negativi sullo svolgimento dell’attività giudiziaria.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli