Consulta: dal processo penale alla famiglia, le decisioni nel 2020 (4)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Dall’assegno che non garantisce il “minimo vitale” alle “pensioni d’oro”: la sentenza 234 stabilisce che il Legislatore può “raffreddare” la rivalutazione automatica delle pensioni di elevato importo e imporre a carico delle stesse un prelievo di solidarietà purché osservi i principi costituzionali di ragionevolezza e proporzionalità, anche sulla durata della misura (di qui l’illegittimità della durata quinquennale del contributo di solidarietà previsto dalla legge di Bilancio 2019).

Legge elettorale e referendum: Nel 2020 la Corte dichiara inammissibile (sentenza n. 10) la richiesta di referendum elettorale poiché dall’eventuale abrogazione sarebbe risultato un testo radicalmente diverso, estraneo e di portata normativa più ampia rispetto a quello originario. La Corte ribadisce che se il referendum ha ad oggetto la legge elettorale di un organo costituzionale o a rilevanza costituzionale deve garantire che la normativa di risulta, all’esito dell’abrogazione, sia auto-applicativa, cioè idonea a consentire lo svolgimento immediato delle elezioni. Con quattro ordinanze (195, 196, 197 e 198) la Corte dichiara poi inammissibili altrettanti conflitti tra poteri dello Stato sollevati sul taglio dei parlamentari e sull’election day (referendum costituzionale e elezioni regionali).