Consulta: dal processo penale alla famiglia, le decisioni nel 2020 (7)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – La sentenza n. 102 mette al centro l’interesse del figlio e perciò dichiara illegittimo l’automatismo della sospensione della responsabilità genitoriale in caso di condanna del genitore per sottrazione di minore all’estero. Il reato è odioso, osserva la Corte, ma la pena accessoria va applicata solo se risponde in concreto all’interesse del figlio. Con la sentenza n. 156 la Corte estende l’applicazione della “particolare tenuità del fatto” anche ai reati per i quali non è previsto un minimo edittale di pena detentiva e tuttavia il massimo supera i 5 anni.

Sicurezza e ordine pubblico: con la sentenza n. 236 la Corte ha dichiarato incostituzionale la legge del Veneto sul “controllo di vicinato” perché viola la competenza esclusiva dello Stato in materia di ordine pubblico e sicurezza. Secondo la Corte, del resto, nulla vieta alla legge statale di disciplinare direttamente il fenomeno del “controllo di vicinato”, nell’ottica, riconducibile al principio di “sussidiarietà orizzontale” sancito dall’articolo 118 della Costituzione, di partecipazione attiva e responsabilizzazione dei cittadini rispetto a una più efficace prevenzione dei reati.

Infine un forte riconoscimento al volontariato: Con la sentenza n. 131 la Corte conferisce un forte riconoscimento agli enti locali del Terzo settore (in quanto rappresentativi della “società solidale”) e alla loro specifica attitudine a partecipare, insieme ai soggetti pubblici, alla realizzazione dell’interesse generale.