Consulta: il primo annuario nella storia della Corte, il 2020 in cifre

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 21 apr. (Adnkronos) – Netto calo dei tempi del processo; riduzione delle pendenze; sempre più decisioni di merito e moniti al legislatore. E' il 2020 in cifre della Corte Costituzionale raccontato nel primo annuario della Consulta in una pubblicazione che con numeri, approfondimenti, attività, sia in versione cartacea che on-line, mira a fare scoprire al grande pubblico l'Istituzione con link a portata di clic a vari livelli di approfondimento, affiancando, non sostituendo, la relazione annuale del Presidente, in vigore dal 1956, che quest'anno è attesa il prossimo 13 maggio.

Ecco i numeri: Sono 281 le decisioni del 2020 (di cui 163 nel giudizio in via incidentale), dunque 10 in meno del 2019. La Corte ha inoltre segnato lo scorso anno rispetto al precedente, nonostante la pandemia, un -3,2% sui giudizi pendenti: il 2020 iniziato con 314 giudizi pendenti, ne ha visti arrivare nel corso dell’anno 332 ma ne sono stati definiti 342 con saldo finale di 304 giudizi pendenti. Si riduce, in particolare, la pendenza dei giudizi incidentali, che passa da 196 a 172 (-12,2%). Netta è soprattutto la riduzione dei tempi di risposta, i più bassi dal 2016: dalla pubblicazione in Gazzetta ufficiale delle ordinanze in via incidentale fino alla trattazione in udienza, passano in media 226 giorni, 'un valore significativamente inferiore a quelli registrati negli anni precedenti', come scrive il Servizio studi della Corte.