Consulta: il primo annuario nella storia della Corte, il 2020 in cifre (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Confermata inoltre la tendenza a superare gli ostacoli di ammissibilità, con un numero di sentenze di gran lunga maggiore rispetto alle ordinanze: la Corte entra dunque sempre più spesso nel merito delle questioni, decidendo della sostanza dei problemi sottoposti. Quanto all’esito dei giudizi incidentali, rispetto al 2019 si registra una lieve diminuzione delle incostituzionalità (da 58 a 48), pur sempre in aumento rispetto agli anni precedenti.

Sono aumentati, passando da 20 nel 2019 a 25 nel 2020, i cosiddetti moniti al Legislatore, ovvero gli inviti a intervenire su una determinata disciplina, nello spirito della leale collaborazione istituzionale, per porre rimedio a situazioni problematiche, obsolete o suscettibili di attrito con i principi costituzionali, sulle quali la Corte non può spingersi. Nel 2020 i moniti hanno attraversato numerosi ambiti: penale ed esecuzione penale, finanza locale, responsabilità genitoriale, carcere per la diffamazione a mezzo stampa, determinazione dell’indennità al lavoratore illegittimamente licenziato, contributo di solidarietà sulle pensioni, lesioni stradali e altri ancora.