Consultazioni, quali saranno le richieste al capo dello Stato

·2 minuto per la lettura
consultazioni partiti Quirinale
consultazioni partiti Quirinale

Hanno preso il via le consultazioni per il conferimento dell’incarico al Giuseppe Conte. Una domanda che probabilmente ci saremo posti è come si potrebbero esprimere i vari partiti. Sappiamo ad esempio che Movimento 5 stelle e il Partito democratico potrebbero sostenere un possibile Conte ter, anche se il Partito Democratico a differenza dei 5 stelle potrebbero non porre veti su altri nomi: “Non c’è un Conte a tutti i costi”, così affermato da Andrea Marcucci. C’è poi il centrodestra che salirebbe compatto al colle pur avendo delle visioni che potrebbero discostarsi da partito a partito.

Italia Viva invece stando a quanto dichiarato all’ex sottosegretario Ivan Scalfarotto potrebbe non fare nomi su un possibile capo del governo. Infine il gruppo misto con udc e cambiamo che stando a quanto appreso potrebbero sostenere il Governo Conte.

Consultazioni, cosa chiederanno i partiti

il 28 e il 29 gennaio sono attesi al Quirinale i gruppi parlamentari, chiamati ad esprimersi in merito ad una possibilità di un Conte ter. Eppure la situazione appare quanto mai complessa su ciò che verteranno le richieste dei singoli partiti al Quirinale.
Italia Viva che ha aperto la crisi attraverso le dimissioni dei ministri Bellanova e Bonetti stando a quanto affermato dall’ex sottosegretario scalfarotto non formuleranno alcun nome. La maggioranza invece con Movimento 5 stelle e PD potrebbero sostenere un possibile Governo Conte.

E il centrodestra? Tra Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia le richieste potrebbero non essere le stesse. Fratelli d’Italia già in altre occasioni si era espresso per andare al voto. Anche Forza Italia chiederebbe il voto ma con una sostanziale differenza: “Se tutti i migliori si mettono assieme per affrontare l’emergenza con un governo di unità nazionale stabile e serio”, ha dichiarato Tajani. Infine la Lega: se anche Salvini in più occasioni ha chiesto le elezioni, parte del partito potrebbe concordare su un governo di larghe intese.