I contagi sarebbero esplosi di nuovo nella zona della movida intorno ad un bar di Sanlitun

Il quartiere di Sanlitun, dove è esploso il focolaio
Il quartiere di Sanlitun, dove è esploso il focolaio

Covid in Cina, c’è un nuovo focolaio nel centro di Pechino, al via i tamponi di massa dopo che i contagi Omicron sarebbero esplosi di nuovo nella zona della movida intorno ad un bar di Sanlitun. E le autorità cinesi hanno definito quella situazione “esplosiva”. La zona in questione è infatti non solo epicentro della movida ma anche mega quartiere che ospita ambasciate e centri commerciali.

Nuovo focolaio nel centro di Pechino

Per questo motivo il governo centrale e le autorità della megalopoli hanno fatto scattare test di massa per tre giorni consecutivi nel distretto centrale di Chaoyang, quello più popoloso con 4 milioni di residenti. E ci sono altri dati inquietanti: da oltre una settimana due distretti della città hanno chiuso alcune attività di intrattenimento, non è un lockdown ma sembra esserne il preambolo, a contare quello che è successo fino a fine maggio.

Tutto è partito dall’Heaven supermarket bar

Da Pechino fanno sapere che tutti i nuovi casi scoperti in città avevano “visitato l’Heaven supermarket bar” o erano in qualche ad esso modo collegati. Xu Hejian, portavoce del governo municipale, ha detto in conferenza stampa: “Il recente focolaio è di natura fortemente esplosiva e di portata diffusa”. Ma quanti casi sono stati rilevati? Oltre 160 più 6mila contatti stretti legati al bar, riportando in uno stato di ansia la città che conta 23 milioni di residenti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli