Contagiosità record, l'Austria torna in lockdown duro

·2 minuto per la lettura

AGI - L'Austria, diventato il Paese al mondo con il maggior numero di contagi giornalieri da Covid-19 rapportati alla popolazione, torna in lockdown totale da martedì prossimo fino al 6 dicembre. L'annuncio è stato dato dal cancelliere Sebastian Kurz (OeVP) spiegando che si punta ad abbassare drasticamente la curva dei contagi e per “salvare il Natale”. 
La situazione è resa drammatica dagli oltre 7mila casi giornalieri e dalla pressione sulle terapie intensive, nonostante due settimane di lockdown leggero. In alcuni ospedali i posti letto nelle rianimazioni stanno per esaurirsi. 

"Tempi difficili"

“Stiamo vivendo tempi difficili perché la pandemia del coronavirus, la crisi economica globale e l'attacco terroristico a Vienna, stanno creando una situazione di tensione”, ha premesso Kurzper spiegare il ritorno a una chiusura stile marzo. Il cancelliere ha lanciato un appello ai 25 milioni di abitanti dell'Austria: “Non incontrate nessuno! Ogni contatto è un contatto di troppo”. 
Da martedì notte le uscite dalla propria residenza saranno consentite solo per motivi di lavoro, acquisto di beni di prima necessità e motivi sanitari. Il vicecancelliere Werner Kogler (Verdi), che è anche ministro dello Sport, ha detto “fate sport, anche all'esterno, continuate a muovervi e uscite per respirare un po' di aria fresca ma non incontrate altre persone”.  

Le eccezioni 

È possibile uscire dal proprio appartamento anche per dare sostegno a persone bisognose, recarsi al cimitero o in chiesa e prendersi cura degli animali. Ai funerali possono prendere parte massimo 50 persone seguendo le già previste precauzioni. Resterà il distanziamento interpersonale di un metro e l'uso della mascherina negli ambienti interni. 

Le attività di commercio verranno chiuse. Dalle ore 6 alle 19 potranno restare aperti negozi di generi alimentari, distributori di benzina, banche, uffici postali, negozi di telefonia mobile, tabaccherie, aziende di smaltimento dei rifiuti e le officine. Tutti gli esercizi gastronomici resteranno chiusi al pubblico. Sarà possibile il ritiro di cibo e bevande dalle ore 6 alle 19 mentre la consegna a domicilio resta consentita 24 ore su 24. Restano chiusi parrucchieri, saloni di bellezza ed estetiste.

Scuole solo a distanza    

Le scuole passeranno completamente alla formazione a distanza. Continueranno ad esserci strutture per l'infanzia negli asili per tutti coloro che hanno bisogno di assistenza. Restano chiusi hotel e strutture ricettive per fini turistici (consentiti i viaggio d'affari). Permane la chiusura di piscine, saune, musei, centri fitness, cinema, teatri, sale da concerto e parchi di divertimento. Negli ospedali sarà possibile una sola visita a settimana per paziente. Le donne incinta potranno essere accompagnate da una persona prima e dopo il parto. I dipendenti sanitari dovranno sottoporsi al tampone una volta la settimana.