Conte: in attesa voto Parlamento avanti con adempimenti Tav

Rea

Roma, 24 lug. (askanews) - In attesa del voto del Parlamento sulla Tav, "il governo non potrà sottrarsi agli adempimenti necessari per il corretto proseguimento dell'iter che porterà al rispetto delle manifestazioni di interesse che perverranno nell'ambito della procedura di gara in territorio italiano". Lo ha affermato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, rispondendo ad una interrogazione del capogruppo leghista Riccardo Molinari al question time della Camera.

"Con Francia e Ue - ha ripercorso la vicenda Conte - abbiamo sempre sostenuto la volontà di ridiscutere l'opera. Aver tenuto il punto ha consentito di ottenere un oggettivo passo avanti: la Ue ha dato disponibilità di aumentare il contributo. Ciò che invece non sono, non siamo riusciti ad ottenere, è stata la ridiscussione dell'opera a causa della ferma decisione della Francia di proseguire nella realizzazione dell'opera. Questo è stato l'elemento decisivo che ha pesato nella posizione riassunta da me ieri".

"Quando si ha a che fare con accordi internazionali tra due Paesi, già ratificati da entrambi i Parlamenti - ha proseguito Conte - si hanno infatti due strade per venir meno alla precedente intesa: o si raggiunge un nuovo accordo bilaterale - strada che, come ho detto, ho perseguito fino alla fine invano - oppure si assume la responsabilità di procedere con una determinazione unilaterale. Decisione unilaterale, però, che avrebbe costi ingenti per le casse dello Stato e quindi chiare ripercussioni negative. E da qui la mia affermazione che oggi - a queste condizioni, cioè senza un accordo con la Francia - fermare l'opera sarebbe più svantaggioso che realizzarla. L'eventuale decisione unilaterale necessiterebbe, evidentemente, di un passaggio parlamentare. In attesa di un eventuale pronunciamento del Parlamento, il governo non potrà sottrarsi agli adempimenti necessari per il corretto proseguimento dell'iter che porterà al rispetto delle manifestazioni di interesse che perverranno nell'ambito della procedura di gara in territorio italiano".