Conte dice la sua sul salario minimo

Conte
Conte

Giuseppe Conte è intervenuto sull’argomeno Salario minimo rispondendo a Renato Brunetta. L’attuale ministro della Pubblica amministrazione ha recente affermato che l’approvazione di tale misura di legge sarebbe un errore. L’ex premier, intervenendo a un’iniziativa elettorale a Capua, ha dichiarato: “Il salario forse non è nella cultura di alcuni politici. Se per alcuni politici è normale prendere paghe da fame, paghe di 3,4 euro l’ora, allora diciamo che la politica di M5S non è questa e non lo accetteremo mai fino a che non sarà approvato il salario minimo. Queste sono paghe da fame”.

Salario minimo: cosa ha detto realmente Brunetta?

Presente al festival dell’Economia organizzato dal gruppo 24 ore a Trento, Renato Brunetta ha parlato del salario minimo, affermando che a suo dire non va bene dal punto di vista legislativo perché sarebbe in antitesi con la “nostra storia culturale di relazioni industriali”.

La proposta del Parlamento europeo

Come informa FanPage, è prevista per il 6 giugno una riunione a Strasburgo per la direttiva europea sul salario minimo. Il Parlamento europeo propone di stabilire requisiti base per garantire un reddito che possa assicurare stabilità ai lavoratori e alle loro famiglie. Ci sono inoltre due proposte da parte dei deputati: la prima consisterebbe nel salario minimo legale, l’altra nella contrattazione collettiva tra lavoratori e datori di lavoro.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli