Conte: ex Ilva, Cdm rinviato a inizio della settimana prossima

Bar

Camerino (Mc), 13 nov. (askanews) - "Domani era programmato un Consiglio dei ministri. Alcuni ministri, per impegni istituzionali, mi hanno chiesto un differimento. Data l'importanza del Consiglio dei ministri, soprattutto perché ho sollecitato tutti i ministri a raccogliere i progetti e portarli in Consiglio, è stato chiesto un differimento: l'ho accordato volentieri all'inizio della settimana prossima". Lo ha annunciato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, parlando con i giornalisti al termine dell'inaugurazione dell'anno accademico dell'Università di Camerino.

"E' chiaro - ha aggiunto - che non si tratta di varare il cantiere Italia (lapsus, Taranto, ndr) in due giorni. E' un cantiere che adesso si apre, se differiamo il Consiglio dei ministri di qualche giorno non cambia assolutamente nulla".

"Per me l'emergenza non è l'ex Ilva, io parlo - ha sottolineato fra le altre cose Conte - di cantiere Taranto, nel quale c'è un capitolo importante che è lo stabilimento ex Ilva. Come sapete adesso c'è la vertenza con Arcelor Mittal, saremo durissimi sotto il profilo della battaglia sul giudiziario. Stiamo adesso valutando, dal punto di vista produttivo che prospettive reali e concrete ci sono. Vogliamo che questa sia l'occasione per il piano di risanamento ambientale forse più cospicuo ed efficiente che ci sia mai stato in Italia. Tutta l'Italia deve dimostrare cosa è capace di fare, sono fiducioso che il sistema Italia sarà all'altezza", ha detto ancora il capo del Governo.