Conte: governo dura? Non ho palla vetra ma buon clima

Afe

Roma, 27 set. (askanews) - Il governo durerà? "Non ho la palla di vetro, ma vedo un buon clima di lavoro". Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, intervistato a Ceglie Messapica (Br) dal direttore di 'Affari Italiani' Perrino.

"Qui - ha aggiunto - io ho sin dall'inizio ho coordinato i lavori di formazione di governo, ho coordinato il tavolo del progetto politico. Quindi io mi sento direttamente responsabile di questo progetto, ho potuto vagliare la coerenza di questo progetto, la convinzione delle forze politiche. In precedenza dopo che c'è stato l'accordo sono stato chiamato a fare il premier, con un programma che univa due programmi. Qui invece avreste difficoltà a distinguere ciò che è nelle corde del M5s, del Pd e di Leu. Prima mi ero fatto garante del contratto ora mi sento garante degli italiani di un progetto politico".

Con la caduta del precedente governo, ha detto ancora, "il M5s con una iniziativa molto lineare ha detto: noi abbiamo un programma da completare, la Lega ci ha abbandonato, vediamo se lo possiamo realizzare. Si è reso disponibile il Pd, è stato un processo sofferto, non pensavo di poter essere chiamato ma è stata tale la forza della richiesta del M5s che ho accettato".

"Questo governo - ha precisato - non è nato con una rappezzatura a colori, è sbagliato pensare questo. So che anche per una parte degli italiani è stato difficile comprendere come sia stato possibile formare un governo di diverso colore. In raltà è stato molto semplice: viviamo in una democrazia parlamentare, il capo dello Stato ha la responsabilità che non ci sia la possibilità di formare una maggioranza. E il primo governo che si è formato, non era certo il governo indicato dai cittadini, votato dai cittadini".