Elezioni Umbria, Conte: "Test non incide su governo"

webinfo@adnkronos.com

“Sono tranquillo, è un test regionale, a Tesei faccio le mie congratulazioni e auguri di lavorare al meglio per la comunità umbra, che merita un lavoro efficace. Ha vinto il centrodestra, ne prendiamo atto”. Così il premier Giuseppe Conte, lasciando l’evento ‘Sindaci d’Italia’ organizzato a Roma da Poste italiane, commenta i risultati elettorali in Umbria. “Vediamo le riflessioni che dovranno fare anche i leader”, riflessioni che vanno fatte tuttavia, ha rimarcato Conte, “nella consapevolezza che si tratta di piani diversi. Non è un test regionale che può incidere” sull’operato del governo, “se non avessimo coraggio, determinazione e lungimiranza sarebbe meglio andare tutti a casa. Siamo qui nella massima consapevolezza di un progetto riformatore del Paese” che il suo esecutivo intende portare avanti. 

In precedenza, a margine dell’evento, per rispondere ai giornalisti che gli chiedevano se, dopo il risultato elettorale negativo, si sentisse messo in discussione, Conte aveva risposto: "Ho il sole, il cielo, il mare… " ricorrendo a una strofa del celebre brano di Domenico Modugno, ‘Meraviglioso’.  

Il leader della Lega Matteo Salvini è andato all'attacco del presidente del Consiglio per le sue dichiarazioni. "Il premier Conte prosegue nella sua arrogante opera di distruzione dell'Umbria, sbagliare è umano ma perseverare è diabolico - ha scandito - Ogni giorno ha un problema nuovo, sembra avere tanti fronti aperti". E a proposito della foto di Narni, che ritrae insieme Conte, il segretario Pd Zingaretti, il leader M5S Di Maio e il ministro della Salute di Leu Roberto Speranza, Salvini ha commentato che il voto umbro è una risposta "a quell'improvvisato Consiglio dei ministri della disperazione" dell'altro giorno, in cui sono arrivati "a promettere tutto, brioche e champagne...". 

"Scandalizzata dalle dichiarazioni del premier Conte sul voto in Umbria" Giorgia Meloni . "Queste parole avrebbe potuto tenerle per sé - dice la leader di Fratelli d'Italia - Non c'è solo l'Umbria, ci sono 11 regioni in cui i cittadini hanno scelto il centrodestra. Noi pensiamo che dovrebbe rassegnare immediatamente le dimissioni''. Dopo il voto in Umbria e la vittoria del centrodestra ''anche il presidente della Repubblica potrebbe fare una riflessione'' e ''valutare, tenere in considerazione il nuovo scenario'' politico. Il Conte bis ''è un governo inviso al popolo - sottolinea - non so ancora quali altri segnali il popolo italiano dovrebbe mandare".