Fondo indagato in Vaticano, Conte: "No conflitti interessi, né legami"

webinfo@adnkronos.com

"Confido che questi chiarimenti" forniti all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato dal premier Giuseppe Conte su fondo cui avrebbe lavorato in qualità di avvocato, e finito nelle ultime ore al centro di un'inchiesta del Financial Times, "consentano di dissipare qualsiasi dubbio sulla mia persona quanto a presunti conflitti di interesse o a legami con il fondo di investimento indagato in Vaticano". Lo afferma lo stesso presidente del Consiglio in una nota di Palazzo Chigi. 

La questione del fondo di investimento "è stata affrontata anche dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, istituzionalmente deputata, nel nostro ordinamento, a vigilare anche sulle ipotesi di conflitto di interesse. Ho fornito all’autorità tutte le informazioni richieste, unitamente ai necessari riscontri documentali, dimostrando in particolar modo la mia astensione (formale e sostanziale) a qualsiasi decisione relativa a Retelit, e ribadendo di non aver mai conosciuto o avuto contatti con i vertici societari di Fiber 4.0 (e specificamente con il sig. Mincione)" precisa il premier. 

"Con lettera del 24 gennaio 2019, il Segretario Generale dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato comunicava che, alla luce dei riscontri da me offerti, 'l’Autorità, nella sua adunanza del 23 gennaio 2019, ha ritenuto di non avviare alcun procedimento ai sensi della legge 20 luglio 2004, n. 215, non ritenendo sussistenti i presupposti per l’applicazione della legge'", rimarca il presidente del Consiglio.