Conte: "Non ero nel caso Ruby", ma gli chiedevano dei rubli

webinfo@adnkronos.com

"Non c'ero nel caso Ruby", "le chiedevo dei rubli". E' il siparietto tra il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e il direttore del Giornale, Alessandro Sallusti, entrambi ospiti del programma 'Dimartedì' su La7. Il premier stava rispondendo a una domanda sul caso Siri quando è stato interrotto da Sallusti: "Anche nel caso rubli non c'erano ministri indagati...", ha detto il direttore del Giornale riferendosi alla vicenda che ha toccato il leader leghista Matteo Salvini. "Non c'ero nel caso Ruby, non mi attribuisca tutte le decisioni", ha ribattuto Conte. A questo punto è intervenuto Giovanni Floris: "Il caso rubli è quello di Salvini, Ruby quello di Berlusconi. Denaro e sesso sono due cose diverse, anche se vanno spesso in coppia", ha detto il conduttore del programma tra le risate dei due ospiti.