Conte non rinuncia a rito campanella: passa il testimone a se stesso

webinfo@adnkronos.com

La 'cerimonia della campanella' che formalizza il passaggio di consegne da un premier all'altro nasce 23 anni fa. Esattamente nel maggio del '96, quando Romando Prodi, leader dell'Ulivo, subentrò al tecnico Lamberto Dini. Da allora ha segnato il cambio della guardia a palazzo Chigi. Anche oggi, giorno del giuramento del Conte bis, il rito si è ripetuto, ma con una formula diversa da quella tradizionale, visto che il premier Giuseppe Conte si è trovato a succedere a se stesso.  

Il passaggio del testimone si è tenuto nella sala dei Galeoni del governo: tutti in piedi, Conte al centro, alla sua destra il sottosegretario alla presidenza del Consiglio uscente, il leghista Giancarlo Giorgetti, alla sua sinistra quello designato, il pentastellato Riccardo Fraccaro. Vicino a Fraccaro c'era il segretario generale della presidenza del Consiglio, Roberto Chieppa. 

E' toccato a un commesso consegnare su un apposito vassoio al primo ministro la campanella con la quale 'dirige' le riunioni dell'esecutivo nella sala del Mappamondo. Un Conte sorridente l'ha presa e fatta scampanellare a favore di telecamera, tra i flash dei fotografi presenti.  

Dal '96, oltre al Conte bis, si contano solo due precedenti di un premier che subentra a se stesso: Massimo D'Alema, che passò il testimone dal primo al suo secondo governo, nel '99, e Silvio Berlusconi, nel passaggio dal bis al ter, nel 2005. In entrambi i casi, però, sembra che la campanella non sia stata mai 'suonata'. Almeno davanti ai media.  

Due le opzioni possibili, secondo il cerimoniale, quando un premier deve passare il testimone a se stesso. La prima: rinunciare a far vedere la campanella. La seconda: porla sopra un vassoio poggiato su un tavolo nella pre-sala del Cdm con il premier che la prende quando rientra a palazzo Chigi dopo il giuramento al Colle. Alla fine, stamattina è stata trovata una terza via.  

Soddisfatto Massimo Sgrelli, decano dei cerimonialisti a palazzo Chigi e ideatore del rito della campanella, che dice all'Adnkronos: ''Hanno trovato una buona soluzione, la campanella è diventato un evento simbolico del passaggio dal vecchio al nuovo governo, sarebbe stato un errore soprassedere in questo caso che il premier succede a se stesso'',