Conte: "Non starò appeso. Ora una agenda di rilancio fino al 2023"

HuffPost

Il governo giallo-rosso festeggia i cento giorni dall’insediamento tra gli scontri interni alla maggioranza sulla manovra economica e i toni caldi tra opposizione ed esecutivo sul Mes. Giuseppe Conte, in un’intervista a Il Corriere, rilancia la sfida del suo secondo governo: “Abbiamo vinto lo sprint dei 100 metri. Ora parte la maratona delle riforme strutturali per cambiare davvero il Paese”.

Il premier illustra la manovra che il suo esecutivo ha messo a punto e la verifica prevista per gennaio:

“Stare appeso non è nel mio carattere e la forza ci viene dai risultati. Più che di una verifica, si tratterà di un rilancio. In soli 100 giorni abbiamo messo in sicurezza il Paese e i risparmi delle famiglie. Abbiamo sterilizzato 23 miliardi di Iva, abbassato tre miliardi di tasse ai lavoratori, restituiremo tre miliardi agli italiani che utilizzeranno la moneta elettronica. Abbiamo previsto più fondi per Comuni, famiglie, disabili e non autosufficienti, forze di polizia e vigili del fuoco”.

Conte ha parlato anche degli scontri interni alla maggioranza e invita le forse di governo alla compattezza.

“C’è qualche segno di incertezza, i cittadini si aspettano massima chiarezza dal governo e dalle forze di maggioranza. Io ho le idee ben chiare. Il dibattito pubblico di queste settimane non ci ha fatto bene, perché ha restituito l’immagine di una maggioranza in cui sono tanti i tentativi di rimarcare uno spazio politico autonomo, di appuntare bandierine. Dobbiamo correre tutti insieme. Le riforme strutturali che ci attendono richiedono gioco di squadra e massima determinazione a perseguire l’interesse generale. Inviterò tutti ad abbracciare questo spirito e pretenderò da tutti un chiaro impegno”.

Il Presidente del Consiglio ha spiegato come sono stati cambiati i piani sulla legge di bilancio sulla plastic tax e sugar tax.

“Abbiamo indirizzato il nostro sistema produttivo verso prodotti eco-compatibili e meno dannosi per la salute, dosando il loro...

Continua a leggere su HuffPost