Conte, Provenzano, Bellanova e Boccia alle Giornate del Lavoro della Cgil a Lecce

HuffPost

Lavoro, imprenditoria e futuro. Ruotano attorno a questi tre cardini le Giornate del Lavoro, organizzate dalla Cgil a Lecce dal 20 al 22 settembre. Tre giorni di incontri e dibattiti tra lavoratori e politica, imprenditoria e informazione. Al centro dell’evento, il cui titolo è “Il cambiamento è”, i temi dei diritti, la contrattazione, lo sviluppo sostenibile, la democrazia e lo sviluppo del territorio, l’accoglienza e l’integrazione. Temi che animeranno gli eventi di un evento in cui HuffPost sarà media partner. 

Il programma di venerdì 20 - Si inizia venerdì alle 10, al Teatro Apollo, con un incontro sul “welfare da ripensare in una società che invecchia”. Intervengono il segretario della Cgil Maurizio Landini e, tra gli altri, la sottosegretaria all’Economia Maria Cecilia Guerra. Alle 17 l’inaugurazione delle Giornate del Lavoro con il dibattito in cui sarà ospite il ministro per il Sud e la coesione territoriale Giuseppe Provenzano. All’evento, moderato dal giornalista di HuffPost Giuseppe Colombo, partecipano, oltre a Landini, anche il presidente della regione Puglia Michele Emiliano e il sindaco di Lecce Carlo Salvemini. Chiude la giornata, alle 21 in piazza del Duomo, l’intervista ai segretari generali di Lucia Annunziata, direttore di HuffPost. Ospiti la segretaria generale CISL Annamaria Furlan, il segretario generale UIL Carmelo Barbagallo e il segretari della CGIL Maurizio Landini.

Il programma di sabato 21 - La ministra delle Politiche Agricole Teresa Bellanova è ospite della tavola rotonda dal titolo “La ricomposizione del lavoro con la contrattazione. Diritti, legalità e inclusione”. L’evento, moderato dalla giornalista di HuffPost Gabriella Cerami, è in programma alle 10 al Teatro Apollo e avrà come ospiti anche Pierangelo Albini Direttore Area Lavoro, Welfare, Capitale Umano Confindustria, e Don Luigi Ciotti, fondatore di Libera

Alle 17, all’ex Convento dei Teatini, il condirettore di HuffPost Gianni...

Continua a leggere su HuffPost