Conte: ristori anche nel 2021, uniti per evitare lockdown totale

Vep
·1 minuto per la lettura

Roma, 11 nov. (askanews) - "Dobbiamo aspettare, e tenere i nervi saldi", "dobbiamo stringere i denti perché i servizi sanitari sono diffusamente sotto stress": lo afferma in una intervista alla Stampa il premier Giuseppe Conte che è al lavoro "per evitare il lockdown totale", "stiamo lavorando proprio per evitare la chiusura dell'intero territorio nazionale". "È vero - dice il premier - ci sono forti criticità, la curva sta salendo. Ma io mi aspetto che nei prossimi giorni, anche per effetto delle nostre misure, cominci a flettere. In ogni caso, lo ribadisco: il lockdown generalizzato non può essere la nostra prima scelta, avrebbe costi troppo elevati, significherebbe dire al Paese che non abbiamo una strategia. E invece noi una strategia ce l'abbiamo, e ci aspettiamo che dia risultati a breve". Conte lancia quindi un appello agli italiani, perché capiscano e collaborino, perché "lo Stato siamo tutti noi" e annuncia che il governo è pronto ad aumentare i ristori per le categorie colpite dalle chiusure "con una modifica del tendenziale di quest'anno" e poi, se serve, anche "con un nuovo scostamento di bilancio nel 2021".