Conte a Salvini: prendo caffè non camomilla, devo lavorare

Afe

Roma, 27 gen. (askanews) - "Io la camomilla non la prendo: siccome devo conservarmi vigile perchè c'è tanto da fare per gli italiani, preferisco il caffè o il tè". Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, nella registrazione della puntata di 'Otto e mezzo' in onda stasera su La7, replicando a Matteo Salvini.

"Mi rivolgo - ha aggiunto - al popolo leghista: chi ha espresso un ministro dell'Interno per 15 mesi e ora un leader ha tutti i mezzi per entrare in una caserma e segnalare informazioni che ha raccolto" senza "andare a citofonare a casa di un privato cittadino".

Di fronte a "slabbrature istituzionali e strappi", ha concluso, "tante volte l'ho invitato a rispettare regole e istituzioni".