Conte: scuola, auspico 7 gennaio presenza al 50% con flessibilità

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 30 dic. (askanews) - "Io auspico che il 7 gennaio le scuole secondarie e di secondo grado possano ripartite con una didattica mista, almeno il 50 per cento in presenza ma nel segno della flessibilità. Non dobbiamo mettere a rischio i nostri figli, gli insegnanti e il personale Ata". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, durante la conferenza stampa di fine anno.

"A dicembre abbiamo compiuto un passo avanti per entrare nella logica di massima flessibilità - ha ricordato -, abbiamo coinvolto i prefetti, ci sono tavoli che hanno lavorato con le autorità coinvolte: scuola, trasporti e aurorità locali e centrali, per trovare la sintesi. Abbiamo compreso che non si può operare senza soluzioni flessibili, da valutare città per città, scuola per scuola, differenziare anche gli orari di ingresso non solo nelle scuole ma anche negli edifici pubblici".

Conte ha ammesso che il "trasporto si è rivelato un momento critico per gestire la crisi pandemica, se dovessimo rispettare le regole di distanziamento occorrerebbe quintuplicare la flotta dei mezzi, cosa che ha dei limiti, ma abbiamo investito 3 miliardi per sostituire la flotta dei bus, come pure investito e stanziato 390milioni per favorire il noleggio di mezzi privati, tutte iniziative che devono essere messe a terra a livello regionale".