Conte annuncia le misure del Dpcm: "Va evitato un lockdown a Natale"

Federica Olivo
·Giornalista, Huffpost
·3 minuto per la lettura
(Photo: REUTERS)
(Photo: REUTERS)

“Il governo si è dato un obiettivo chiaro: vogliamo tenere sotto controllo la curva epidemiologica, solo in questo modo riusciremo a gestire la pandemia senza rimanerne sopraffatti”, inizia così il discorso di Giuseppe Conte nella conferenza stampa in cui annuncia le nuove misure incluse nell’ultimo dpcm e i relativi ristori per le categorie più colpite. Misure, che ha spiegato Conte, dovranno servire a “evitare un nuovo lockdown, che il paese non si può permettere”. “Dobbiamo salvaguardare l’economia e il diritto alla salute” ha aggiunto.

Il provvedimento resterà in vigore fino al 24 novembre: “Se tutti rispetteremo le regole terremo la curva epidemiologica sotto controllo, e affronteremo il mese di novembre, poi di dicembre e Natale in modo migliore. L’Italia è un grande paese, lo ha dimostrato la scorsa primavera. Ce l’abbiamo fatta allora e ce la faremo anche adesso. Un grande paese deve essere grande sempre”. Sarà un mese difficile quello che sta per aprirsi, il premier non lo nasconde. E sulle posizioni delle varie anime dell’esecutivo dice: “Questo governo, pur nella varietà di sensibilità e posizioni, ha un obiettivo ben chiaro e queste misure delineano un quadro chiaro: non vogliamo penalizzare direttamente il tessuto produttivo ed economico ma nello stesso tempo se non stringiamo quelle misure difficilmente potremmo venirne a capo in questo mese novembre. Noi confidiamo che a novembre soffriremo un poco ma poi torneremo a respirare”. Dicembre, si augura il presidente del Consiglio, sarà un mese un po’ più sereno. E sarà anche il mese in cui, come ha confermato il premier, dovrebbero arrivare i primi vaccini. Saranno somministrati prima alle categorie più fragili e a quelle più esposte al contagio.

Il nuovo dpcm è frutto di un lungo e serrato dibattito con i governatori, che potranno concordare con il governo misure più restrittive: “Con le regioni c’è stato un lungo confronto, ci siamo ritrovati con proposte diverse su chiusure bar e ristoranti. Ma fino a qui, abbiamo lasciato alle regioni la possibilità di adottare ordinanze, abbiamo perseguito strategie con misure restrittive in aree critiche. Ma i dati che stiamo esaminando dimostrano che la pandemia sta correndo in modo uniforme. Di qui l’intervento del governo a ridefinire un quadro restrittivo fermo restando che potremo continuare nei prossimi giorni alle regioni di concordare misure ancora più restrittive”.

Un riferimento poi al disappunto nei confronti della stretta: “Se fossi dall’altra parte anche io proverei rabbia nei confronti delle misure del governo”.

Le misure

Bar e ristoranti chiudono alle 18, resta possibile l’asporto. Massimo in quattro a tavola al ristorante, salvo che si tratti di famiglie più numerose. “I ristori - ha spiegato Conte - arriveranno direttamente sul conto corrente dei diretti interessati con bonifico bancario dell’Agenzia delle Entrate”.

Il Governo ha poi intenzione di cancellare la seconda rata Imu e garantire una nuova indennità mensile nei settori turismo, spettacolo, intermittenti e dello sport. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte in conferenza stamp

Annunciata poi la chiusura di piscine e palestre. Quanto ai cinema, ai teatri e alle sale da concerto, anch’essi sospesi, il premier ha detto: “Questa misura è stata tra le più sofferte”.

Un riferimento poi alla scuola: “Per scuole secondarie di secondo grado ci sarà didattica a distanza almeno per il 75%”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.