Conte: stop ritardi e polemiche sul Recovery, discutere nel merito

Stefano Benfenati
·2 minuto per la lettura

AGI - Il pressing di Italia Viva, un virus ‘modificato' che affossa i mercati e due giornate di confronto con le forze di maggioranza per trovare il punto di caduta sul piano nazionale di ripresa e resilienza. In questo contesto Giuseppe Conte rilancia il Recovery Fund nell'agenda di governo e ne ‘puntella' le fondamenta. L'Europa ci guarda, in gioco c'è la credibilità del Paese. Quindi, discutere ma nel merito e a ritmo serrato per arrivare ad una sintesi efficace. Le premesse del capo del governo. L'ultima parola, poi, sarà del Parlamento, vero e unico 'giudice' di un progetto nazionale. Questo il finale. A poche ore dal confronto a Palazzo Chigi con Pd e M5s - domani sarà la volta di Iv e Leu – sul piano per investire i 209 miliardi destinati all'Italia dall'Unione europea, il presidente del Consiglio sembra voler archiviare le recenti stilettate arrivate dalla sua maggioranza (con Iv di Renzi in prima fila) per concentrarsi sull'obiettivo. Ovvero, definire il prima possibile il Piano nazionale. Vietato distrarsi.

Collegato per l'inaugurazione del Data Center di Modena, il premier  parla non solo agli amministratori locali - Bonaccini in primis - che hanno chiesto un ruolo da protagonisti nell'elaborazione del Recovery,  ma a tutte le forze politiche. “Non ci possiamo permettere di ritardare oltre per questo riprendiamo gli incontri con le delegazioni delle varie forze politiche, innanzitutto, di maggioranza, per poter operare subito nei prossimi  giorni la necessaria sintesi”, ha detto Conte delineando una “tabella di  marcia serratissima” in cui sono vietate le distrazioni perché  “ne va della credibilità del Paese in Europa”. Per le polemiche non costruttive, dunque,  il semaforo è rosso. “Dobbiamo discutere nel merito e trovare una sintesi efficace. Al di là della discussione  politica e delle polemiche di questi  giorni  - sono le parole di Conte - dobbiamo assolutamente riprendere con la massima lena e vigore la discussione sul Recovery Plan italiano,  non ci possiamo permettere di ritardare oltre”.

Accolte le richieste di confronto arrivate da Comuni e Regioni. “Dobbiamo al più presto aggiornare questo stato di avanzamento del Recovery Plan  anche perché dobbiamo tornare a confrontarci con le Regioni, con gli enti locali, con le parti sociali”. Infine il messaggio ad alleati e all'opposizione. “Dobbiamo mandare tutto al Parlamento in modo da acquisire tutti i suggerimenti e i riscontri necessari per poter poi elaborare il progetto nella sua versione definitiva. Il Recovery, lo ripeto, tornerà ancora in Parlamento  - ha ribadito Conte - perché dovrà essere il progetto nazionale e per poter esserlo non solo deve accogliere le istanze di tutte le autorità territoriali e delle parti sociali ma deve anche essere approvato dall'intero Parlamento”. (AGI)