Conte: un mio partito politico? Non ci penso mai, sarebbe distorcente

Vep

Roma, 22 gen. (askanews) - "Non ci penso affatto, sarebbe profondamente sbagliato, sarebbe un retropensiero che potrebbe distrarmi da quello che sto facendo". Così il premier Giuseppe Conte ha risposto ai giornalisti di 'Non stop news' su Rtl 102.5 che gli chiedevano, nella sua prima intervista in diretta in radio, se pensasse al suo futuro politico dopo Palazzo Chigi, a creare un partito suo. "Ho un culto del dovere, è l'incarico più alto che abbia mai avuto, assumere decisioni in vista di un mio partito o di un mio elettorato avrebbe un effetto distorcente sul mio lavoro, non lo permetterò mai", ha concluso il premier.