Conte: "Vogliamo evitare un lockdown generalizzato, ma saranno possibili chiusure territoriali"

·1 minuto per la lettura

AGI - No a un lockdown generalizzato ma saranno possibili chiusure territoriali dove si renderanno necessarie. lo ha spiegato il premier, Giuseppe Conte, nella conferenza a Palazzo Chigi dopo l'approvazione del decreto Ristori da parte del Consiglio dei ministri.

Conte ha tenuto a sottolineare che il nuovo dpcm ha lo scopo di "tenere sotto controllo la curva epidemica" e ha escluso l'ipotesi di una patrimoniale: "Abbiamo deciso di non introdurre nuove tasse per gli italiani", ha risposto a una domanda in proposito.

Il presidente del Consiglio ha quindi fatto sapere che interverrà nei prossimi due giorni in Parlamento per illustrare i provvedimenti adottati: "Domani sarò alla Camera - ha detto - il giorno successivo al Senato".

Quindi, si è soffermato sulle violenze di piazza in atto in diverse città italiane: "La gente che soffre - ha detto - non può aspettare ma credo che gli italiani non condividono queste violenze e non vogliono di lasciarsi strumentalizzare. La violenza genera violenza e non porta nulla di buono".