Contestazioni al Sud, su Twitter spunta #Salviniscappa

webinfo@adnkronos.com

'Estate Italiana' di Matteo Salvini fra spiagge, piazze e tante contestazioni. Il tour al Sud del leader leghista non sembra andare esattamente secondo i piani del ministro, accolto sì dai tanti sostenitori del Meridione, ma anche da nutriti gruppi di cittadini decisi a manifestare pubblicamente il loro dissenso. Ultimo esempio dopo Policoro, Soverato e Siracusa, la trasferta di ieri a Catania: al grido di "siamo tutti terroni", "buffone" e "venduto", sono stati decine i contestatori riuniti davanti al Municipio della città per dare il loro 'benvenuto' particolare al vicepremier.  

Cartelli, cori e 'Bella Ciao' ad accogliere il leghista che ieri, forse sfiancato dall'ennesimo tafferuglio in potenza, ha deciso di abbandonare il campo salendo in macchina e allontanandosi per evitare fischi e insulti al suo indirizzo. La 'fuga' di Salvini non è ovviamente passata inosservata sui social. Ed è così che su Twitter è nata un'altra forma di contestazione, stavolta virtuale, riunita sotto l'hashtag #Salviniscappa, da circa 24 ore nelle prime posizioni dei trend.  

E' in questo contenitore, infatti, che finiscono commenti, sfottò e critiche al leader, ora impegnato a fronteggiare la crisi di governo da lui stesso aperta giovedì scorso. Oltre 10.000 finora i contributi degli utenti, tutti - o quasi - impegnati a sostenere i contestatori in carne e ossa nelle piazze del Sud. "Da quando Salvini è stato votato - scrivono - non ho fatto altro che provare vergogna per l'ignoranza del popolo italiano, ma adesso, vedendo i manifestanti in Sicilia, l'amore per la patria torna forte". 

"Si fa chiamare Capitano ma in realtà è un coniglio", puntano il dito, assicurando che "credergli è come restare con il partner che sai che ti tradisce spudoratamente". "Si è ammosciato il capitone", scherzano, mentre sottolineano ogni 'fuga' - reale o figurata - del leader leghista, fornendo anche un dettagliato elenco: "Scappa dai processi grazie all'immunità (caso #Diciotti). Scappa - scrivono - dalle domande dei giornalisti su #Russia e #Savoini. Scappa dai sui doveri prima della #Finanziaria. Scappa dalla gente che lo contesta". Salvini, insomma e "più veloce di una lepre", "scappa dalle sue responsabilità". E, dicono, "il minimo sindacale è farglielo notare. Perché prima o poi dovrà anche smettere di scappare".