Continua fuga dell'orso M49: vertice province Trento e Bolzano

Red/Nav

Roma, 26 ago. (askanews) - Rafforzare il coordinamento, già esistente, per ogni attività di monitoraggio e presidio sulla zona di confine dove l'orso M49 "si trova in questo momento". E' questo il risultato di un incontro tecnico avvenuto stamane fra il personale delle Provincie autonome di Trento e Bolzano per discutere i possibili sviluppi del caso che ha riguardato l'ormai celebre orso. Secondo gli esperti l'animale da qualche giorno ormai staziona nella zona del passo degli Oclini, al confine fra i territori delle due provincie.

All'incontro ha preso parte il responsabile del Servizio Foreste e fauna della Provincia Autonoma di Trento Giovanni Giovannini e il coordinatore del Settore Grandi Carnivori Claudio Groff, e per l'Alto Adige il direttore dell'Ufficio Caccia e pesca della Provincia Autonoma di Bolzano Luigi Spagnolli. Il coordinamento - si aggiunge - è garantito tramite una trasmissione reciproca in tempo reale delle informazioni utili, che vanno anche trasferite all'esterno, verso i media e la popolazione. "Continueranno ad essere costantemente informate anche le amministrazioni comunali interessate dalla presenza del plantigrado. Eventuali azioni di cattura nella zona di confine, infine, verranno condotte in modo congiunto dalle due amministrazioni".