Continua la "sindrome da Green Pass": anche oggi aumentano i certificati di malattia

·1 minuto per la lettura
ROME, ITALY -APRIL 03: A general view of the Inps (National Institute for Social Security) headquarters at Tuscolano on April 03, 2020 in Rome, Italy.  Social security and pensions agency INPS said Friday it had so far received 2.45 applications for a total of 5.1 million benefit beneficiaries, including 2.1 applications for a new coronavirus-linked 600-euro benefit for the workless self-employed. The Italian government continues to enforce the nationwide lockdown measures to control the spread of COVID-19. (Photo by Simona Granati - Corbis/Corbis via Getty Images) (Photo: Simona Granati - Corbis via Corbis via Getty Images)
ROME, ITALY -APRIL 03: A general view of the Inps (National Institute for Social Security) headquarters at Tuscolano on April 03, 2020 in Rome, Italy. Social security and pensions agency INPS said Friday it had so far received 2.45 applications for a total of 5.1 million benefit beneficiaries, including 2.1 applications for a new coronavirus-linked 600-euro benefit for the workless self-employed. The Italian government continues to enforce the nationwide lockdown measures to control the spread of COVID-19. (Photo by Simona Granati - Corbis/Corbis via Getty Images) (Photo: Simona Granati - Corbis via Corbis via Getty Images)

Per il secondo giorno consecutivo i certificati di malattia sono più alti. L’Inps, alle 17 di oggi, ha ricevuto 152.780 certificati, con un incremento del 14,6% rispetto ai 133.270 raccolti alla stessa ora di lunedì scorso. Lo ha fatto sapere l’istituto.

Venerdì scorso, il giorno in cui è entrato in vigore l’obbligo di Green pass, i certificati di malattia arrivati all’Inps hanno registrato un aumento del 23% rispetto al venerdì precedente. In totale a segnalare la propria malattia sono stati 94.191 lavoratori, contro i 76.851 del venerdì precedente. L’aumento è stato inferiore alla media, ma comunque alto, tra i lavoratori pubblici (+18,3%), superati dai lavoratori ‘privati tutelati’ (+21,1%).

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli