Continua l'ondata di maltempo, è allerta rossa in Emilia-Romagna

Roma, 25 nov. (askanews) - Continua la forte ondata di maltempo sull'Italia, che ora si sta spostando verso Est e Sud con forti precipitazioni e il rischio di determinare ulteriori criticità idrogeologiche in aree già messe a dura prova, in particolare Piemonte e Liguria. Il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse che integra ed estende quelli diffusi nei giorni precedenti. Allerta rossa sulla pianura e bassa collina emiliana occidentale in Emilia-Romagna e allerta arancione in Abruzzo e Calabria, su gran parte di Piemonte, Veneto, Emilia-Romagna e Marche, su settori di Lombardia e Puglia.

A causa dei danni già provocati dal maltempo decine i comuni in tutta Italia che hanno deciso di chiudere le scuole, molti in Piemonte e Liguria che già fanno la conta dei danni dopo il viadotto crollato sulla Torino-Savona e gli allagamenti nell'alessandrino dove è stato anche recuperato il corpo senza vita di una donna travolta dal fiume Bormida. Rientrata la situazione di pericolo legata alle piene di fiumi e torrenti, ma resta sotto controllo anche il livello del Po.

Allagamenti e disagi anche in Calabria, con immagini condivise sui social da diversi cittadini di Reggio Calabria che la paragonano ironicamente a Venezia.

Una situazione eccezionale. Secondo i geologi, "se e vero che il bimestre ottobre - novembre é in assoluto il più piovoso dell'anno, i quantitativi precipitati negli ultimi 15 giorni equivalgono in alcune aree del Piemonte meridionale e della Liguria a circa il 50% delle precipitazioni cumulate annue".