Continuano ad aumentare i casi di reinfezione tra chi ha avuto il Covid

no credit

AGI - Dal 24 agosto 2021 al 5 giugno 2022 sono stati segnalati 532.755 casi di reinfezione, pari al 4.0% del totale. Nell'ultima settimana la percentuale di reinfezioni risulta al 7,4%, in aumento rispetto alla settimana precedente (6,3%). È quanto emerge dall'aggiornamento settimanale del Report esteso Iss.

Il rischio di reinfezione è più elevato nei soggetti con prima diagnosi di Covid-19 notificata da oltre 210 giorni rispetto a chi ha avuto la prima diagnosi fra i 90 e i 210 giorni precedenti. Ma anche, si legge nel bollettino, "nei soggetti non vaccinati o vaccinati con almeno una dose da oltre 120 giorni rispetto ai vaccinati con almeno una dose entro i 120 giorni".

Ancora: "Nelle femmine rispetto ai maschi (il maggior rischio nei soggetti di sesso femminile può essere verosimilmente dovuto alla maggior presenza di donne in ambito scolastico dove viene effettuata una intensa attività di screening e al fatto che le donne svolgono più spesso la funzione di caregiver in ambito familiare"); "nelle fasce di età più giovani (dai 12 ai 49 anni) rispetto alle persone con prima diagnosi in età compresa fra i 50-59 anni"; "negli operatori sanitari rispetto al resto della popolazione".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli