Continuano le proteste contro il certificato verde

·2 minuto per la lettura
No Green Pass
No Green Pass

Le manifestazioni contro il Green Pass stanno animando le piazze di tantissime città italiane, ogni sabato. Le proteste contro il certificato continuano. Da Milano a Roma, da Torino a Napoli, da Genova a Savona.

Manifestazioni contro il Green Pass: Roma e Milano

A Roma i manifestanti sono scesi nelle piazze per dire no alla certificazione verde. Ci sono stati diversi appuntamenti in vari luoghi della città, per protestare contro l’obbligo di Green pass nei ristoranti, locali, cinema, spettacoli e presto anche sui trasporti. Piazza del Popolo si è riempita di persone, che hanno voluto esprimere il proprio dissenso verso le decisioni del Governo. Ad un certo punto, quando alcuni manifestanti hanno cercato di improvvisare un corteo non autorizzato, che è stato impedito dalla polizia, sono nate alcune tensioni con le forze dell’ordine. A Milano si sono radunate più di 3mila persone per dire no al Green pass, definita una misura “antidemocratica che non ha nulla a che vedere con la situazione sanitaria ma serve solo a spaccare la società in persone di serie A e B“. “Noi non siamo no vax, siamo per la libertà di scelta” hanno voluto specificare, per poi attaccare il Pd e “i traditori Di Maio e Salvini“.

Manifestazioni contro il Green Pass: Torino e Napoli

A Torino sono scese in piazza un migliaio di persone, in corteo per le vie del centro storico. Secondo quanto riportato, ci sono stati degli attimi di forte tensione tra gli stessi manifestanti, che hanno discusso sul percorso del corteo. Un uomo è stato identificato, perché si è ritrovato bloccato con la sua auto dai manifestanti e ha accelerato. Fortunatamente non ha ferito nessuno. L’uomo ha spiegato di essersi spaventato e la Questura esclude che il gesto sia riconducibile a forme di protesta contro i manifestanti. Più di 200 manifestanti sono scesi in piazza a Napoli, con diversi cartelli contro la “dittatura sanitaria“. “Criminali, vi aspetta Norimberga” è stato scritto su un cartellone. In piazza si sono alternate testimonianze sulle conseguenze negative dei vaccini, critiche ai politici e contrarietà alla vaccinazione dei bambini.

Manifestazioni contro il Green Pass: Genova e Savona

Anche Genova e Savona sono scese in piazza contro il Green pass, nel giorno in cui gli attivisti hanno annunciato la mobilitazione del primo settembre, con il blocco delle stazioni ferroviarie. Dopo un presidio in piazza De Ferrari, davanti a Palazzo Ducale, i manifestanti hanno sfilato verso le sedi di Primocanale, Confindustria e il Secolo XIX. “Poi torneremo in piazza De Ferrari per chiudere il giro degli amici con il nostro più grande amico, Giovanni Toti” hanno gridato i manifestanti. Tanti cartelloni con messaggi di protesta, con l’invito a seguire il canale Telegram “liberapiazzagenova“. Moltissime bandiere dell’Italia, ma anche della Francia. A questa protesta hanno partecipato anche molti cittadini francesi. “Da settembre non potrò più entrare nel mio Ateneo o partecipare alle lezioni senza Green pass. Ai vaccinati dico che vi hanno mentito, perché vi hanno promesso l’immunità, ma non siete immuni. Neanche serve a prevenire il sovraccarico delle terapie intensive” ha dichiarato una studentessa universitaria.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli