Continuano i problemi nel settore logistica

·1 minuto per la lettura
coronavirus focolaio bologna tnt
coronavirus focolaio bologna tnt

Ancora una volta il settore della logistica e dei trasporti coinvolto in un cluster da Covid-19: un nuovo focolaio da Coronavirus si è sviluppato a Bologna, questa volta alla Tnt. Si tratta del secondo caso dopo quello della Bartolini – sempre a Bologna – che ha raggiunto nelle scorse settimane numeri importanti: oltre 100 positivi al Coronavirus.

A denunciare la situazione per il settore Logistica e Trasporti è il sindacato di riferimento attraverso le pagine di Fanpage.it che dà notizia del divampare del nuovo focolaio da Coronavirus alla Tnt di Bologna. I lavoratori si sarebbero rifiutati di stare in magazzino – che allo stato attuale risulta ancora attivo – e sarebbero tornati a casa.

Coronavirus, focolaio alla Tnt di Bologna

Carpeggiani, coordinatore sindacale di SiCobas spiega come sia stata richiesta: “La chiusura del magazzino dopo i primi casi e ora siamo messi così. Abbiamo allertato il sindaco e il Comune, che però non ci hanno risposto. Ora l’azienda aspetta di conoscere tutti i risultati prima di procedere con la sanificazione. Questi sono i numeri”. Circa 300 dipendenti della Tnt si sottoporranno al test per evidenziare la presenza, o meno, del Coronavirus. Ma i dati, nelle prossime ore, potrebbero aumentare vistosamente.

Intanto, il sindacato ha scritto una lettera al Governo Conte. Si tratta di una richiesta formale ai ministri Nunzia Catalfo e Stefano Patuanelli per un incontro urgente tra le parti. L’obiettivo è quello di definire: “Soluzioni atte da un lato a tutelare pienamente la salute dei lavoratori e della collettività, dall’altro a tutelare i livelli salariali e occupazionali”.