Contratto di 5 anni e stipendio da 15 milioni a stagione bonus inclusi per l’attaccante

·2 minuto per la lettura
Lorenzo Insigne con la casacca azzurra, ma della Nazionale
Lorenzo Insigne con la casacca azzurra, ma della Nazionale

Lorenzo Insigne passa da scugnizzo a giubba rossa, lascia il Napoli e dalla prossima stagione vestirà la casacca dei red del Toronto FC: è ufficiale, come sono ufficiali le regole di ingaggio per l’attaccante che si appresta a sbarcare in terra canadese. Quali? Un Contratto di 5 anni e stipendio da 15 milioni a stagione bonus inclusi.

Da “scugnizzo” a giubba rossa: Lorenzo Insigne lascia il Napoli e volerà in Canada a giugno

L’annuncio lo ha dato in queste ore anche uno che per certe cose ha naso come Gianluca di Marzio: “È fatta: Lorenzo Insigne ha accettato l’offerta del @torontofc, e lascerà dunque il Napoli al termine di questa stagione, dopo 10 anni di matrimonio. Il giocatore, che firmerà tra venerdì e sabato, è atteso in Canada il 1 luglio e guadagnerà 11.5 mln per 5 anni e mezzo, più 4.5 di bonus”.

Dettagli definiti, Lorenzo Insigne lascia il Napoli e va in una squadra che non incontrerà mai i “suoi” partenopei

Sono stati definiti perciò anche gli ultimi dettagli della transazione per il calciatore in scadenza di contratto con il Napoli. A giugno passerà in MLS e, malgrado un addio non certo indolore, giocherà in un team che per sua espressa volontà il Napoli non potrà mai incontrare in competizioni ufficiali. Quello fra Insigne e De Laurentiis era un divorzio annunciato: il presidente non era andato oltre l’offerta da 3,5 milioni di euro più uno di bonus per il rinnovo.

Il divorzio annunciato fra Lorenzo Insigne che lascia il Napoli e De Laurentiis che aveva “offerto poco”

Erano somme che avevano due “pecche”: non erano quelle proposte dai procuratori di Insigne e sono molto più basse di quelle offerte dai canadesi. Per un campione che lascia il calcio di serie A potrebbe esserci anche un campione che vede più lontana la casacca della Nazionale: i media spiegano che lo stesso Mancini “dall’anno prossimo dovrà valutare se continuare a convocarlo o meno in Nazionale”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli