Contro il Covid vaccini efficaci (quasi) al 100% nel prevenire i ricoveri

·2 minuto per la lettura

AGI - I vaccini anti-Covid sono efficaci quasi al 100 per cento nel proteggere le persone dall'ammalarsi tanto gravemente di Covid-19 da dover essere ricoverate in ospedale. Questi sono i dati confortanti diffusi da un centro di ricerca medica a Cleveland e che fanno riferimento ai casi riscontrati tra il personale della struttura.

Di circa duemila persone coinvolte nello studio che sono risultate positive per Covid, solo lo 0,3 per cento - circa sei persone - aveva completato la vaccinazione. Questo significa che il vaccino ha avuto un'efficacia di quasi il 100 per cento nel prevenire il ricovero. Nel frattempo, il 99,75 per cento dei pazienti Covid ricoverati negli ospedali del centro durante il periodo di studio non era stato completamente vaccinato.

La nuova ricerca, anticipata dal Daily Mail e che presto verrà pubblicata su una rivista scientifica, mostra che i ricoveri sono generalmente diminuiti grazie alle campagne vaccinali e che i vaccini Pfizer e Moderna raggiungono le aspettative di efficacia nel proteggere le persone dalle infezioni gravi di Covid-19.

Nonostante i benefici delle inoculazioni siano spesso inferiori nel mondo reale rispetto ai trial clinici, i due vaccini a RNA si sono dimostrati estremamente efficaci nell'analisi condotta dal centro di ricerca statunitense.

Il ritmo delle vaccinazioni è rallentato negli Stati Uniti nelle ultime settimane, ma, secondo le stime dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) americani, circa il 46 per cento della popolazione nazionale complessiva ha ricevuto almeno una dose e il 35 per cento è stata completamente immunizzata.

Gli esperti ribadiscono che monitorare l'efficacia dei vaccini è fondamentale per tenere traccia delle infezioni e della possibilità che emergano nuove varianti resistenti alla risposta immunitaria indotta dalla vaccinazione. Per adesso, concludono, i vaccini in via di distribuzione sono ancora altamente efficaci contro la maggior parte dei ceppi mutati, comprese le varianti inglese e indiana.