Contro rito voodoo Banfi dà lezione a francesi: ''Oeil, mauvais œil, persil et fenouil''

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

''Oeil, mauvais œil, persil et fenouil'', ovvero ''Occhio, malocchio, prezzemolo e finocchio''. Lino Banfi dà lezione ai francesi, dopo la notizia arrivata da Oltralpe della concorrente che, per vincere un reality, è ricorsa a riti voodoo con tanto di bambola e spilli, magia nera e veggenti a pagamento. ''Io più che le veggenti contro il malocchio preferisco il fai da te'', dice l'attore, indimenticabile interprete del film diretto da Sergio Martino nel 1983 'Occhio malocchio prezzemolo e finocchio', dedicato appunto al mondo dell'occulto.

"Ma non c'è bisogno di fare quelle cose! -sottolinea ironico- anche perché con gli spilli uno si può fare male. Invece -suggerisce Banfi- basta portare sempre tanto aglio e tanto peperoncino nostro. Da noi contro il malocchio si portano le patate e le cipolle di Margherita di Savoia, che è un paese in provincia di Foggia dove ci sono le saline, perché oltre ad essere ortaggi buoni che crescono in mezzo alla sabbia con il sale, si dice che siano utili contro il malocchio. Oltre tutto -scherza- sono gratis e costano pochissimo''. Al contrario delle veggenti che spillano milioni di euro a chi si affida a loro.

(di Alisa Toaff)