Controlli Polizia in treni e stazioni, 6 arresti e 82 indagati

Red/Sav

Roma, 11 nov. (askanews) - Oltre 13mila persone controllate, tra cui 6 arrestati e 82 indagati: è il bilancio dei controlli effettuati nel fine settimana dalla Polizia Ferroviaria con 1.512 pattuglie nelle stazioni, 385 a bordo treno e 818 convogli ferroviari scortati. 101 i servizi antiborseggio in abiti civili per contrastare i furti in danno dei viaggiatori.

In totale sono stati 16 gli stranieri rintracciati in posizione irregolare; 78 le sanzioni elevate in materia di sicurezza ferroviaria; 4 i minori non accompagnati rintracciati dal personale della Specialità e restituiti alle famiglie o collocati in comunità.

In particolare, la Polizia Ferroviaria di Ventimiglia ha arrestato un cittadino della Lettonia, senza fissa dimora, colpito da un mandato di cattura europeo dalla Germania dovendo espiare 15 anni di reclusione per violenza sessuale e lesioni volontarie, mentre ha rintracciato una ragazza di 16 anni, in stato di gravidanza, che insieme al suo fidanzato, tunisino maggiorenne e con numerosi precedenti penali, si stavano dirigendo in Francia a bordo di un treno. La giovane, dopo aver sottratto ai propri genitori la somma di 4.400 euro, oro e gioielli, ha tentato la fuga con il ragazzo, ma grazie alla sinergia tra il Compartimento Polfer di Milano e quello della Liguria, sono stati rintracciati. La minorenne è stata riaffidata ai genitori ed il tunisino è stato denunciato per sottrazione di minore e furto.

A Milano, un italiano è stato arrestato a bordo del treno Varese- Treviglio per aver aggredito gli Operatori della Polfer e perché trovato in possesso di un coltello a serramanico lungo 15 cm. L'uomo, fermato a bordo treno senza regolare titolo di viaggio, alla richiesta di regolarizzare la sua posizione sul convoglio si è rifiutato, aggredendo gli Operatori. Bloccato, addosso allo stesso è stata rinvenuta l'arma che veniva sottoposta a sequestro. Sempre a Milano la Polfer ha arrestato un gambiano per furto aggravato: con abile destrezza, approfittando della confusione in stazione, ha infilato la mano nella borsa di una viaggiatrice sfilandole il cellulare. Immediatamente bloccato, è stato arrestato e il maltolto è stato riconsegnato alla vittima.

(Segue)