Contromano in autostrada per 40 chilometri: arrestato l'autista

·2 minuto per la lettura
contromano sulla A1
contromano sulla A1

Dopo la notizia della 44enne ubriaca che ha percorso molti chilometri in contromano lungo autostrada A4, in direzione Torino-Milano, un uomo di 34 anni ha viaggiato in contromano per 40 km sull’autostrada A1, da Rioveggio (alle porte di Firenze). Subito è scattato il panico tra gli automobilisti. Fondamentale l’intervento della polizia, che ha dovuto speronare l’auto e a sparare agli pneumatici per fermare il 34enne alla guida.

34enne in contromano sulla A1

L’uomo, con cittadinanza americana, era a bordo di una Ford Fiesta. È entrato in autostrada a Rioveggio, in un tratto chiuso per lavori, e ha percorso circa 40 km fino alle porte di Firenze. Interrotto il tratto interessato ai lavori, la polizia è intervenuta per fermare l’auto. Per farlo, gli agenti sono stati costretti a speronarlo e hanno persino sparato alcuni colpi di pistola alle gomme della Ford, al cui interno sono stati trovati una falce, un’ascia e un coltello, ma anche degli oggetti da campeggio.

Immediato l’arresto del 34enne. L’uomo è stato fermato con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale e possesso ingiustificato di oggetti atti a offendere. L’autista ha deciso di non parlare se non in presenza del suo avvocato, così ha continuato a ripetere, senza dare spiegazioni sull’accaduto. Agli agenti che lo hanno interrogato ha detto che non era sua intenzione fare del male agli altri viaggiatori presenti in autostrada. Il suo gesto, a sua detta, sarebbe stato dettato solo dall’adrenalina.

Il cittadino italoamericano è originario di Vicenza ed è marmista di professione. La sua auto è stata fermata dagli agenti della polizia stradale tra Barberino di Mugello e Sesto Fiorentino, all’altezza dell’area di servizio Corzano in direzione di Roma. Appena l’uomo si è accorto degli agenti ha cercato di fuggire, inserendo la retromarcia. Intanto l’uomo è stato sottoposto ad alcol test, che è risultato negativo, e gli è stata revocata la patente. Nelle prossime ore sarà processato per direttissima.