Contrordine: non è vero che le donne vivono più a lungo degli uomini

Caia Image/AGF

AGI - Gli uomini hanno un'alta probabilità - tra il 25% e il 50% - di vivere di più delle donne, sfidando l'opinione diffusa secondo cui gli uomini semplicemente non vivono quanto le donne. A rivelarlo, un'analisi statistica della Syddansk Universitet, in Danimarca che copre 200 anni in tutti i continenti del globo, pubblicata sulla rivista ad accesso libero BMJ Open.

I ricercatori sottolineano che a volte grandi differenze nell'aspettativa di vita mascherano una sostanziale sovrapposizione nella durata della vita tra i sessi. Il vantaggio della sopravvivenza femminile è stato osservato nel tempo in molte popolazioni diverse. Ma le differenze di sesso nella sopravvivenza sono spesso identificate confrontando l'aspettativa di vita, che riassume la durata media della vita, piuttosto che gli anni vissuti, e questo è stato interpretato come "gli uomini non vivono quanto le donne".

I ricercatori hanno utilizzato un particolare approccio statistico per studiare le differenze di sesso nei decessi in 199 popolazioni di ogni continente in un periodo di 200 anni. Questa statistica misura la probabilità che una persona di una popolazione con un alto tasso di mortalità sopravviva a qualcuno di una popolazione con un basso tasso di mortalità.

I ricercatori hanno attinto a tabelle di vita per sesso e anni individuali per 41 paesi dal database sulla mortalità umana, oltre a dati separati per la Germania orientale e occidentale e per i 4 paesi del Regno Unito. Inoltre, hanno utilizzato tabelle di vita ridotte dal World Population Prospects 2019. Ciò fornisce tabelle di vita specifiche per sesso per 199 paesi per fasce di età di 5 anni e periodi di 5 anni dal 1950-54 al 2015-19.

Infine, hanno confrontato la probabilità che gli uomini sopravvivano alle donne in base al livello di istruzione e allo stato civile, utilizzando le statistiche nazionali statunitensi sui decessi e sul conteggio della popolazione. L'analisi dei dati ha mostrato che dal 1850 la probabilità che i maschi sopravvivano alle femmine, in ogni momento e in tutte le popolazioni, variava tra il 25% e il 50%, con solo pochi valori superiori al 50% in diversi Paesi in momenti diversi. In altre parole, i dati mostrano che tra 1 e 2 (25%-50%) su 4 uomini sono sopravvissuti alle donne negli ultimi 200 anni, sfidando l'opinione diffusa secondo cui gli uomini semplicemente non vivono quanto le donne, affermano i ricercatori.

Nei Paesi sviluppati, la probabilità che i maschi sopravvivano alle femmine è diminuita fino agli anni '70, dopodiché è aumentata gradualmente in tutte le popolazioni. L'aumento e la diminuzione delle differenze di sesso nell'aspettativa di vita sono stati principalmente attribuiti al fumo e ad altre differenze comportamentali.

La probabilità che i maschi vivano più a lungo delle femmine è generalmente più alta nei Paesi a reddito medio/basso, ma questo non significa necessariamente una maggiore uguaglianza di genere nella sopravvivenza, osservano i ricercatori.

E alcuni fattori esterni sembrano avere un ruolo chiave. Ad esempio, tra il 2015 e il 2019, la probabilità che i maschi sopravvivano alle femmine è stata del 40% nell'intera popolazione degli Stati Uniti. Ma questa statistica variava, a seconda dello stato civile e del livello di istruzione: la probabilità che gli uomini sopravvivessero alle donne era del 39% per coloro che erano sposati e del 37% per coloro che non lo erano.

Ed era del 43% per chi ha una laurea e del 39% per chi non ha il diploma di scuola superiore. Inoltre, gli uomini sposati con una laurea hanno un vantaggio rispetto alle donne non sposate che vengono istruite solo a livello di scuola superiore. Le coppie si influenzano a vicenda sulla salute, e questo è particolarmente vero per gli uomini, che beneficiano più delle donne di una relazione stabile, sottolineano i ricercatori.

"Un'interpretazione cieca delle differenze di aspettativa di vita a volte può portare a una percezione distorta delle effettive disuguaglianze nella durata della vita", scrivono gli autori.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli