Contrordine: Rapa Nui collassò dopo l'arrivo degli europei, non prima

La società delle isole di Pasqua non è crollata prima del contatto europeo e la sua gente ha continuato a costruire le sue iconiche statue moai per molto più tempo di quanto si pensasse. Ne sono convinti alcuni ricercatori della Binghamton University, State University di New York che hanno pubblicato le conclusioni, per certi versi rivoluzionarie sulla storia dell'Isola di Pasqua, sulla rivista Archaeological Science.

L'isola di Rapa Nui è famosa per la sua elaborata architettura rituale, in particolare le sue numerose statue (moai) e le piattaforme monumentali che le hanno sostenute (ahu). Una narrazione ampiamente diffusa sostiene che la costruzione di questi monumenti sia cessata all'incirca intorno al 1600, a seguito di un grave collasso sociale determinato dall'esaurimento delle risorse ambientali necessarie alla costruzione dei moai.

Si tratta di una narrazione sostenuta da diversi ricercatori e divenuta ormai una sorta di esempio globale di come un popolo possa pregiudicare il suo stesso futuro attraverso una politica poco attenta alle risorse ambientali che per esempio descritto in un celebre libro del premio Pulitzer Jared Diamond che dalla storia dell'Isola di Pasqua trae il proprio titolo “Collasso”.

"La nostra ricerca va oltre questa narrazione", ha affermato Carl Lipo, antropologo della Binghamton University. "Per confutare i dati archeologici finora raccolti e usati a supporto di questa interpretazione della storia dell'Isola di Pasqua, abbiamo pensato di esaminare attentamente il ritmo degli eventi di costruzione associati a grandi piattaforme”. I ricercatori, guidati dal Robert J. DiNapoli dell'Università dell'Oregon, hanno esaminato le date rilevate al radiocarbonio, la relativa stratigrafia architettonica e i contesti etno-storici per quantificare l'inizio, la velocità e la fine della costruzione dei diversi monumenti presenti nell'isola.

"Gli archeologi riescono a determinare l'età di un manufatto rinvenuto in una campagna di scavi grazie al radiocarbonio", ha spiegato Lipo. “L'assemblaggio di gruppi di questi dati insieme per esaminare i modelli richiede alcune sofisticate analisi statistiche che sono state rese disponibili solo di recente agli archeologi. In questo documento, usiamo questi strumenti per fornire il primo sguardo sulla storia della costruzione di piattaforme sull'isola di Pasqua".

I ricercatori hanno scoperto così che la costruzione di queste statue iniziò subito dopo la colonizzazione da parte dei polinesiani e aumentò rapidamente, tra l'inizio del XIV e la metà del XV secolo, con un tasso costante di eventi di costruzione che continuarono oltre il contatto europeo nel 1722. "Quello che abbiamo scoperto è che una volta che le persone hanno iniziato a costruire monumenti poco dopo l'arrivo sull'isola, hanno continuato questa costruzione fino al periodo successivo all'arrivo degli europei", ha detto Lipo.

"Questo non sarebbe stato possibile se ci fosse stato un" crollo "pre-contatto - anzi, avremmo dovuto vedere tutta la costruzione fermarsi molto prima del 1722. La mancanza di un tale schema supporta le nostre affermazioni e falsifica direttamente coloro che continuano a sostenere la teoria del collasso" endemico. "Una volta che gli europei arrivano sull'isola, ci sono molti eventi tragici documentati a causa di malattie, omicidi, raid di schiavi e altri conflitti", ha aggiunto.

"Questi eventi sono del tutto estranei agli isolani e hanno, senza dubbio, effetti devastanti. Tuttavia, il popolo Rapa Nui - seguendo pratiche che hanno fornito loro grande stabilità e successo per centinaia di anni - ha continuato le sue tradizioni di fronte a enormi probabilità. Il grado in cui il loro patrimonio culturale è stato trasmesso - ed è ancora presente oggi attraverso la lingua, le arti e le pratiche culturali - è piuttosto notevole e impressionante. Penso che questo grado di resilienza sia stato trascurato a causa della narrazione del "collasso", e merita il riconoscimento".