Convocati quasi 10mila italiani per il vaccino contro il virus

·1 minuto per la lettura
vaccino Covid
vaccino Covid

Via alle convocazioni dei 9.750 italiani che riceveranno le prime dosi del vaccino Covid. Il 27 dicembre, il Vaccine Day europeo, le prime dosi del farmaco Pfizer-BioNTech verranno somministrate a medici e infermieri allo Spallanzani di Roma.

Distribuzione delle prime dosi di vaccino Covid

Dopo il permesso di EMA alla Pzifer, è iniziato il countdown per la consegna in Italia delle prime dosi di vaccino, che saranno 9.750, prevista per il 27 dicembre, il giorno d’avvio simbolico scelto dall’Unione Europea per la campagna anti-Covid.

I furgoni della Pfizer lasceranno il Belgio il 24 dicembre, e saranno attesi al confine italiano dall’Esercito, che prenderà in consegna le dosi che saranno portate a Roma il giorno seguente. Il 26 dicembre arriveranno all’ospedale Spallanzani dove, il 27 mattina, verranno somministrate le prime dosi ad alcune unità del personale medico e infermieristico. A beneficiare del vaccino sarà chi è stato in prima linea nella lotta al Covid; rimarrà riservata l’identità degli interessati, a differenza dell’Inghilterra, Israele e Usa.

Nel pomeriggio del 27 partirà la campagna di vaccinazione anche nelle altre Regioni d’Italia: 1620 dosi raggiungeranno la Lombardia, 685 la Sicilia, 910 il Piemonte, 955 il Lazio.

Hub individuati per conservare il vaccino

287 hub sono stati individuati dalle Regioni e dal ministero della Salute per la materiale consegna del vaccino, considerando che deve esser conservato a meno 70 gradi in apposite celle frigorifere. Questi saranno raggiunti dai camioncini della Pfizer nei giorni successivi. L’hub dell’aeroporto militare di Pratica di Mare entrerà in funzione solo quando i vaccini prodotti dalle altre aziende farmaceutiche saranno disponibili.