Cop26, bozza finale: "Emissioni tagliate del 45% entro il 2030"

·2 minuto per la lettura

"Riduzione di anidride carbonica del 45% entro il 2030, rispetto al livello del 2010, e a zero intorno alla metà del secolo", al fine di "limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi fino al 2100": è l'obiettivo che i leader mondiali si sono posti alla Cop26 di Glasgow, secondo quanto si legge sulla bozza finale del vertice che ora, però, deve essere approvata anche dai singoli governi dei Paesi partecipanti. 

Ecco cos'altro dice la bozza:

- viene riaffermato "l'obiettivo globale di lungo termine di tenere l'aumento della temperatura globale media ben sotto 2 gradi dai livelli preindustriali, e di perseguire gli sforzi per limitare l'aumento di temperatura a 1,5 C dai livelli preindustriali".

- viene riconosciuto che "l'impatto del cambiamento climatico sarà molto più basso con un aumento della temperatura a 1,5 C" e che "questo richiede azioni significative ed efficaci da tutte le parti in questo decennio critico".

- quanto ai combustibili fossili, la bozza "invita le parti a considerare ulteriori opportunità di ridurre le emissioni di gas serra che non sono anidride carbonica", "chiede alle parti di accelerare l'eliminazione del carbone e dei sussidi ai combustibili fossili".

LEGGI ANCHE - Cop26, Coldiretti: nasce in Italia la prima oasi salva clima

VIDEO - Cop26, il messaggio della Regina Elisabetta ai potenti del mondo riuniti a Glasgow: "È ora di agire"

- il documento "accoglie favorevolmente gli impegni accresciuti presi dai Paesi sviluppati" per il fondo di aiuti ai Paesi meno sviluppati previsto dall'Accordo di Parigi, impegni che hanno l'obiettivo "di arrivare al più tardi nel 2023 al target dei 100 miliardi di dollari all'anno". 

- la bozza "riconosce l'importante ruolo dei soggetti non statali, compresa la società civile, i popoli indigeni, i giovani e altri soggetti, nel contribuire ai progressi verso l'obiettivo della Convenzione (dell'Onu per i cambiamenti climatici, l'Unfccc, ndr) e gli obiettivi dell'Accordo di Parigi" e "sollecita le parti a coinvolgere attivamente i popoli indigeni nell'attuazione dell'azione climatica".

- infine, la bozza "incoraggia le parti ad accrescere la piena, significativa ed eguale partecipazione delle donne nell'azione climatica, e a garantire attuazione e mezzi di attuazione rispettosi del genere".

VIDEO - Cop26, il premier italiano Mario Draghi a Glasgow: “Serve grande sforzo collettivo”

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli