Cop26, Coldiretti: nasce in Italia la prima oasi salva clima

·1 minuto per la lettura
(Getty Images)
(Getty Images)

Respirare aria pulita grazie alla scelta degli alberi più efficaci nel catturare i gas a effetto serra, mitigare i microclimi urbani e bloccare le pericolose polveri sottili con i consigli di esperti ed agronomi per combattere l'inquinamento atmosferico e migliorare la vivibilità delle città. Questo l'ambizioso scopo della prima oasi salva clima, progetto degli agricoltori della Coldiretti che in occasione della Cop26 a Glasgow organizzano il primo summit italiano sul futuro verde delle città con gli Stati Generali del florovivaismo dedicato a "Coltiviamo bellezza per produrre salute".

VIDEO - Cop 26, il ministro di Tuvalu interviene mentre è immerso in mare e spiega poi il motivo della sua scelta

L'appuntamento è per giovedì 11 novembre 2021 dalle ore 9.30 presso il parco botanico "Radicepura" a Giarre (Catania) in Sicilia dove più evidenti sono gli effetti del cambiamento climatico con l'alternarsi di alluvioni e caldo tropicale. Sarà presentato il primo "polmone verde" sperimentale da moltiplicare nelle città italiane per contribuire al raggiungimento dell'obiettivo di piantare 1.000 miliardi di alberi nel mondo entro il 2030.

Con il presidente della Coldiretti Ettore Prandini saranno presenti climatologi, urbanisti, scienziati, agricoltori ed esponenti delle istituzioni per disegnare il futuro della rivoluzione green nelle aree urbane con i fondi del Pnrr dopo la pandemia Covid, anche in diretta streaming sul sito www.coldiretti.it.

Per l'occasione verrà diffuso lo studio Coldiretti su "La crisi green delle città italiane, tra smog e degrado" con analisi sulle dotazioni verdi delle aree metropolitane, le nuove tendenze, i problemi nella gestione degli alberi, i pericoli e le opportunità, con il successo delle produzioni Made in Italy nel mondo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli