Cop26, ministra Israele in sedia a rotelle lasciata fuori: “Scandaloso”

·1 minuto per la lettura
Karine Elharr su Twitter
Karine Elharr su Twitter

Il primo ministro israeliano Naftali Bennett e quello del Regno Unito Boris Johnson hanno concordato che la ministra israeliana dell'ambiente Karine Elharr sia presente al loro incontro di oggi dopo che ieri non ha potuto partecipare al summit Cop26 di Glasgow, in Scozia, perché la conferenza era inaccessibile alle persone in sedia a rotelle.

Secondo quanto riferito dall'ufficio della ministra, gli organizzatori della Cop26 avrebbero consigliato a Elharr, che soffre di distrofia muscolare, di usufruire della navetta per prendere parte all’evento. Quando la ministra ha scoperto che la navetta non era idonea al trasporto delle persone in sedia a rotelle, non le è rimasto altro che tornare nel suo albergo ad Edimburgo.

GUARDA ANCHE: COP 26: fermare la deforestazione entro il 2030, utopia o realtà?

"E' stata una condotta scandalosa e non sarebbe dovuta avvenire", ha denunciato Elharr. L'ambasciatore inglese in Israele, Neil Wigan, in un tweet ha chiesto scusa alla Elharr per l'incidente, mentre Bennett ha disposto che l'auto della ministra faccia parte del suo convoglio ufficiale in modo da poter raggiungere senza problemi l'area centrale del summit.

GUARDA ANCHE: Cop26, Biden si appisola durante un discorso - Video

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli