Cop27, Guterres: "Verso inferno climatico con acceleratore premuto"

VIDEO - Cop27, Guterres: "Il cambiamento climatico è la sfida centrale del nostro secolo"

(Adnkronos) - ''Siamo su un'autostrada verso l'inferno climatico con il piede premuto sull'acceleratore''. Così il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres è intervenuto in apertura della Cop27 sul clima che ha preso ufficialmente il via oggi a Sharm El-Sheikh, in Egitto. ''Stiamo perdendo. Le emissioni di gas serra continuano a crescere'', ha detto Guterres, ''stiamo lottando per la nostra vita''. Il segretario generale delle Nazioni Unite ha poi sottolineato che ''le temperature globali continuano ad aumentare. E il nostro pianeta si sta rapidamente avvicinando a punti critici che renderanno il caos climatico irreversibile''.

VIDEO - I finanziamenti per il clima al centro della Cop27

Per questo il cambiamento climatico è la "questione determinante della nostra epoca" e la "sfida centrale del nostro secolo". Metterlo in secondo piano sarebbe "inaccettabile, oltraggioso e controproducente", ha aggiunto Guterres, spiegando che molti degli attuali conflitti sono "legati al crescente caos climatico".

VIDEO - Cop27, Macron esorta Usa e Cina a fare la loro parte per il clima

Il segretario generale delle Nazioni Unite ha chiesto ''un patto di solidarietà per il clima''. Perché "o si arriva a un patto di solidarietà per il clima o si ha un patto di suicidio collettivo". Quello da lui ipotizzato è quindi "un patto in cui tutti i Paesi fanno uno sforzo in più per ridurre le emissioni in questo decennio in linea con l'obiettivo di 1,5 gradi'', ha detto Guterres. "Un patto in cui i Paesi più ricchi e le istituzioni finanziarie internazionali forniscono assistenza finanziaria e tecnica per aiutare le economie emergenti ad accelerare la propria transizione alle energie rinnovabili'', ha aggiunto.

VIDEO - Clima, Cop27 in Egitto: obiettivi mancati e vertice in salita

Quello proposto da Guterres è quindi ''un patto per mettere fine alla dipendenza dai combustibili fossili e dalla costruzione di centrali a carbone, eliminando gradualmente il carbone nei Paesi dell'Ocse entro il 2030 e ovunque entro il 2040''. Sarà quindi "un patto che fornirà energia universale, accessibile e sostenibile per tutti''. E secondo il segretario generale delle Nazioni Unite si tratterà di "un patto in cui le economie sviluppate ed emergenti si uniscono attorno a una strategia comune e combinano capacità e risorse a beneficio dell'umanità".

"L'attività umana è la causa del problema climatico. L'azione umana deve essere la soluzione'' è l'appello di Guterres che, in particolare, ha chiesto ai ''Paesi sviluppati di prendere l'iniziativa''. E si è rivolto a ''tutti i Paesi del G20'', che ''devono accelerare la loro transizione ora, in questo decennio''.

Perché "la scienza è chiara: qualsiasi speranza di limitare l'aumento della temperatura a 1,5 gradi significa raggiungere zero emissioni nette globali entro il 2050'', ha rimarcato, affermando però che ''ci stiamo avvicinando pericolosamente al punto di non ritorno''.